Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Dite la verità: vi è venuto il panico solo a sentire queste parole, vero?

È normale: siete persone dotate di sentimenti e avete paura di essere feriti, soprattutto da chi amate.

Già, ma cosa succede se siete voi a dover pronunciare quella frase? Come dire parole che deluderanno?

Non esiste una formula magica, ma direi che siamo tutti d'accordo che sia la verità detta con un po' di sensibilità.

Su questo argomento ho già fatto un post (vi lascio il link sotto) spiegando quanto sia importante cercare di capire i sentimenti altrui, ascoltando al di là di ciò che ci viene detto. In questa situazione è particolarmente cruciale perché possiamo vedere una reazione di rabbia che nasconde una delusione (e più è incontrollata, più la ferita è profonda) oppure un silenzio ostinato, che a volte ha bisogno di essere rispettato e altre riempito.

Dire "ti voglio bene" e "ci tengo a te" indubbiamente aiuta, così come presentare il discorso come una possibilità di confronto e non come un'arbitraria decisione; ovviamente a meno che non volete più bene a quella persona e non ci sia nulla da discutere.

Nel discorso che seguirà, invece, occorre tenere cuore e mente apertissimi. Il cuore perché non dobbiamo celare nulla dei nostri sentimenti. La mente per capire il punto di vista altrui e rispettarlo (mai minimizzare: mette l'altro in una condizione in cui si sentirà ancora più ferito).

E, infine, potrete prendere una decisione consapevole, anche se dolorosa. Non tenetevi il rimpianto di non aver detto tutto: parlate e siate sinceri. Affronterete meglio le conseguenze.

 

WE NEED TO TALK

Tell me the truth: you've felt anxiety only reading these words, right?

Ir's normal: you are a human with feelings and you're scared to be hurt, especially from someone you love.

Yes, but what will it happen if you are the person that is going to say "We need to talk"? How do you pronounce words that will hurt?

There isn't a magical formula but we can all agree that you have to say the truth but with sensitivity.

I've already wrote about it, telling how it's important understand others' feelings, listening even what they aren't saying. In this situation it's critical because we are seeing for example an anger reaction, hiding a disappointement (and more incontrollable anger is, the deeper is the disappointment) or a persistent silence, that sometimes needs to be respected and sometimes filled up.

It surely helps saying "I love you" and "I really care about you" and presenting everything as a possibility of comparison and not like an arbitrary decision; unless of course you don't love that person and there's nothing to discuss.

In the following talk, you have to keep open heart and mind. Heart because any feeling has to be hidden. Mind because you have to understand the other's point of view and respect it (never diminish: the other will feel more hurt).

And now you can take a conscious decision, even if painful. Don't hold the regret of not having said everything: talk and be honest. You'll face consequences at your best.

Coinquilin* di antinnocenza: