Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Questo argomento vale per uomini e donne. Perché disperazione e vittimismo non guardano in faccia nessuno.

"Non mi vuole", "Ha capito che mi piaceva ed è sparit*", "Perché tanto lo so che non troverò mai nessun*", "Sono sfigat*", "Incontro solo persone di merda/pazzoidi". Sono frasi che ho sentito dire da uomini e donne e ho detto anche io a me stessa.

È una strategia che funziona? Ovviamente no. Sono lamentele e, come mi ha detto un'amica capace di grandi riflessioni: Quando vi lamentate non siete né interessanti né intelligenti né intriganti. Una sorta de La Regola delle 3 I da evitare.

E vi dirò di più. Facendolo, siamo non solo lamentosi ma anche "scaricabarile": poggiamo la nostra felicità sulle spalle altrui perché nemmeno noi abbiamo la voglia di prenderci la responsabilità di far felici noi stessi, che siamo un cumulo di insicurezze.

E ovviamente l'energia emanata da disperazione e vittimismo allontana le persone da noi perché tutti siamo preda di paure e insicurezze con cui fatichiamo a convivere, quindi perché dovremmo accollarci anche le altrui ( vedi il discorso sul Vampiro Energetico - di cui sotto vi lascio il link)? Anche i disperati vittimisti non si accollano altri come loro!!!

Allora, che ne dite di spostare l'ago della bilancia da "Non mi ama nessuno" a "Io mi amo"?? È un inizio...un piccolo cambio di prospettiva. ma, a volte, è proprio quando cominciamo ad accettarci che arriva qualcuno che ci accetta così come siamo (Sì, è una storia vera)

 

DESPERATION & PLAYING THE MARTYR

This subject is about women and men. Because appearing desperate and playing the martyr are anbisexual.

"She/He doesn't want me", "she/he understood that I've liked him/her and she/he's gone", "I'll never find true love", "I'm a loser", "I've met only shit/crazy people". These are sentences I've heard from men and women...even by myself.

Is it a working strategy? Obviously not. These are complaints ad, as a very thoughtful friend said to me: When you're complaining you are not interesting nor intelligent nor intriguing. A sort of 3I rules about things to avoid.

And there's more than this. Doing it, you're not only complaining but avoiding your responsability: you put your happiness on someone else's shoulders because even you don't want to take care of your own complaints.

So, obviously, the energy of despair and martyr pushes people away. We're all full of fears and insecuities, so why have we stand also the others (see below the link about the Energy Vampyres)?? Even the desperate ones don't want desperate people around them!!

Instead what about move the balance needle from "Nobody loves me" to "I love myself"? It's a beginning...a little change of perpective but, sometimes, when we begin to accept ourselves, someone arrives, accepting us as we are (Yes, it's a true story)

 

Coinquilin* di antinnocenza: