Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

Lo hai imparato dai tuoi genitori, dai film dalle canzoni e dalle serie tv. Lo sai come si fa a chiedere scusa: le parole da dire, l'espressione da usare, i gesti da compiere. Ma scommetto che spesso non sai perché stai chiedendo scusa. I motivi sono tanti.

Per spiegare il primo, userò una frase che Rhett dice a Rossella in "Via col vento"Siete come il ladro, cui non spiace di aver rubato ma è molto molto afflitto di andare in galera. Significa che potresti scusarti non perché hai commesso il fatto ma perché hai paura delle conseguenze. Nel primo caso probabilmente non lo ripeterai più perché sai quanto dolore hai causato, nel secondo hai coperto una ferita enorme con un cerottino e ti comporterai da "per stavolta l'ho scampata bella e non ho ricevuto punizioni e/o lacrime e/o urla".

Oppure chiedi scusa semplicemente perché qualcuno se lo aspetta. Un po' come i bimbi che non si rendono conto del valore di ciò che hanno buttato a terra ma sono costretti comunque a chiedere scusa, così anche nella fase adulta lo fai per mettere fine a una situazione spiacevole ma quello che vorresti davvero è spaccare la faccia a qualcuno.

Oppure chiedi scusa per insicurezza. Hai paura di disturbare, di urtare gli altri, di dare fastidio...e così ti scusi di esistere...e la conseguenza è risultare disturbante proprio per questo.

Ultimo caso, chiedi scusa per mostrare il tuo interesse. Empaticamente lo fai perché davanti a te c'è qualcuno che non se l'è sentito dire da nessuno o da chi doveva davvero scusarsi, e così lo fai tu, per far capire che non tutti sono insensibili e che qualcuno ha compreso.

Chiedere scusa non è quindi un'azione che riguarda solo i sentimenti degli altri. Sapere perché lo facciamo dice tanto anche su come noi affrontiamo le diverse situazioni e  ci aiuta a farlo in modo più consapevole e sincero.

 

 

WHY ARE YOU APOLOGIZING?

 

You learned it from your parents, from the movies, from the songs and from tv series. You know how to apologize: the words to say, the expression to use, the gestures to perform. But I bet you often don't know why you are apologizing. The reasons are many.

To explain the first one I'll use a sentence that Rhett has said to Scarlett in "Gone with the wind"You are like the thief who isn't at least bit sorry he stole, but he is terribly, terribly sorry he's going to jail. It means you could apologize not because you committed the crime, but because you're afraid of the consequences. In the first case you probably won't do it again because you know how much pain you caused, in the second you covered a huge wound with a band-aid and you'll act like "for this time I escaped beautifully and I received no punishment and/or tears and/or screams".

Or you're apologizing simply because there is someone who expects it. A bit like children who do not realize the value of what they have thrown to the ground but they're still forced to apologize, so even in adulthood you do it to put an end to an unpleasant situation but what you really want is to smash someone's face in.

Or you're apologizing because of insecurity. You are afraid to disturb, to hurt, to annoy...so you're apologizing to exist...and the consequence is to be disturbing precisely for this.

Last case, you're apologizing to show your interest. Empathically you do it because in front of you there is someone who has not heard it from anyone or who really needed to apologize, so you do it, to show that not everyone is insensitive and someone has understood.

Apologizing is not an action that concerns only the feeling of others. Knowing why we are doing it says a lot also about how we deal with different situations and help us to do it in a more conscious and sincere way.

Coinquilin* di antinnocenza: