Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 

"Mi hai frainteso", "Non è questo che volevo dire", "Hai capito male".

Diciamo spesso frasi del genere, a volte anche in tono arrabbiato o deluso, quando chi ci sta di fronte non ha interpretato bene i nostri sentimenti. Ci sembrava tutto chiaro e invece non è così. Perché?

Perché in realtà le parole, i gesti e le espressioni del viso non dicevano la stessa cosa.

- Puoi dire a qualcun∂ "Ti voglio bene", ma se hai le braccia incrociate e alzi un sopracciglio, ciò che viene percepito è diffidenza.

- Puoi essere arrabbiat∂, ma avere gli occhi sull'orlo del pianto.

- Puoi sembrare tranquill∂ e allo stesso tempo muovere nervosamente una gamba.

- Puoi urlare, ma quello che senti non è rabbia, ma frustrazione.

È un meccanismo inconscio: razionalmente ti sembra di avere un'idea precisa di cosa stai vivendo ma probabilmente non è così e il tuo corpo lo dimostra.

Ecco perché percepire realmente l'altr∂ è difficile e a volte ci sembra di conoscerl∂ e capirl∂ perfettamente, ma non è vero. A volte vediamo solo ciò che vogliamo vedere e sentiamo ciò che vogliamo sentire.

Solo il tempo ci può aiutare. Col tempo, troveremo un linguaggio più adatto e non saremo più fraintes∂.

 

 

ARE YOU EXPRESSING YOUR FEELINGS IN THE RIGHT WAY?

 

"You misunderstood me", "This is not whar I wanted to say", "You've got it wrong".

We often say these sentences, sometimes in an angry or disapponted tone, when who's in front of us didn't interpret our feelings well. It all seemed clear to us, but it's not like that. Why?

Because, in reality, words, gestures and facial expressions don't say the same thing.

- You can say "I love you" but, if you have crossed arms and raised eyebrow, what is perceived is distrust.

- You can seem angry but have your eyes on the verge of tears.

- You can seem quiet and, at the same time, move a leg nervously.

- You can yell but what you feel is not anger but frustration.

It's an unconscious mechanism: rationally, it seems we perfectly understand him/her but it's not true. Sometimes we only see and listen what we want.

Only time can help us. Over time we will find the most suitable language and we will no longer be misunderstood.

 

Coinquilin* di antinnocenza: