Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

Come invecchiare e prenderla bene

 

In esclusiva per te

 

Un viaggio sulla DeLorean

Un esercizio antistress

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Credo di essere nata commerciante. Già nel ventre materno probabilmente ero propensa alla vendita.

Ero piccola, ma ricordo benissimo il fascino della cassiera Coop quando pigiava i tasti della sua cassa. È stato Amore a prima vista. Il registratore di cassa. Quindi commerciante con un alone di vecchio, anzi, vintage, che di questi tempi fa più figo. Vintage perché amo la carta, il suo profumo, il rumore che fa quando si volta la pagina. E io ci scrivo sulla carta, a mano, come il capitano di una barca solca i mari più profondi...io solco il mio foglio bianco con l'inchiostro blu della mia indistruttibile bic. Carta + inchiostro = edicola, cartoleria.

Non sono certamente una scrittrice né amo improvvisare o avvalermi di titoli che non mi competono, ma amo raccontare fatti ed eventi che hanno dell'incredibile ma che succedono realmente. Chi lavora a contatto con il pubblico potrebbe tranquillamente avere materiale necessario per scrivere enciclopedie.

Oggi ad esempio il premio lo vince XXX. Viene a prendere il giornale, ravana nel suo portamonete per stagnarmi più ramini possibili e si appresta all'uscita. Ha una tuta e un piumino smanicato. Gli suona il cellulare. Suona. E suona. E suona.

: XXX, ti suona il telefono

 : Ah impossibile, non ce l'ho

: Ti dico che suona ed è il tuo. Il mio è lì, muto.

La suoneria ragazzi. 10mila megatoni. Old Phone. DRIIIIIIINNNN....DRIIINNNNNN. Inizia a capire che è effettivamente il suo. Cerca nelle tasche della tuta. Niente. Cerca nelle tasche della felpa. Niente. E intanto DRIIIIIINNNNNN....DRIIIIIIIIINNNNN.. Inizia la svestizione. Prima il piumino, poi la felpa. Niente: il telefono non si trova. Con un gesto fulmineo si cava la maglia e rimane con la canotta della salute. Quelle azzurrine, spallina sottile, a costine. 

: XXX, l'hai mangiato?

: Ma in do 'el col cesso di telefonino?

Intanto...penso e spero che non gli venga l'idea di cavarsi i pantaloni. Signore abbi pietà di me  Vorrei essergli d'aiuto, ma di palparlo non mi sembra il caso. Gli prendo il piumino e lo trovo nella taschina interna.

: XXX...È QUI!!!

: Oh là...stavo per togliermi le braghe

 Grazie Signore Grazie

Voi capite, quindi...perché non potrei fare qualcosa di diverso? Io vi amo. Alessandra

 

 

 

MEMOIRS OF A NEWSVENDOR

I think I was born to be a shopkeeper. Already in the womb I was probably inclined to sell.

I was a baby but I remember very well the supermarket cashier's charm in the moment she pressed the buttons of her cash desk. It was love at first sight with the cash desk. So, an old shopkeeper...or, better, a "vintage" one, that is hotter these days. Vintage because I love the paper: its smell and the sound it makes when you turn the page. And I write on the paper, by hand, like a boat captain ploughing the deepest sea...I plough my blank page with the blue ink of my indestrucrible pen. Paper + ink = newspaper kiosk ad stationer's shop.

I'm really not a writer nor an improviser nor using titles that don't compete with me, but I love telling facts and events that could appear unbelievable but they are true. Who works in contact with the public could safely have material needed to write encyclopedias.

For example, today the award goes to XXX. He arrives to buy the newspaper, searching in his purse trying to give me more cents as possible and it goes to the exit. He wears a tracksuit and a sleeveless jacket. His phone rings. Amd rings. And rings.

: XXX, your phone is ringing.

: Ah impossible, I don't have it with me

: I'm saying it's ringing and it's yours. Mine his there, silenced.

The alarm, people. 10 thousand megatrons. Old Phone. DRIIIIIIINNNNNN.....DRIIIIIIIN He begins to understand that truly is his. He's searching in the pockets of the tracksuit, removing it. Nothing. He is searching in the pockets of the jacket, removing it. Nothing. He's searching in the pockets of the sweatshirt, removing it. Nothing. The phone isn't anywhere. DRIIIINNNNN....DRIIIIIINNNNNN With a lighting act, he's taking off the shirt and he wears only a vest. A light blue vest, thin straps, ribbed profile. 

: Have you eaten it?

: Where the fuck is it?

Meanwhile, I'm thinking and hoping he wouldn't have the idea to take off its trousers. Please God have mercy on me.  I would help him, but I don't see the case of palpate him. I take his jacket and I find it in the internal pocket.

: It's here!!!!!

: All right...I was going to take off my trousers

 Thanks God, thank you.

So, have you understood why I couldn' t have a different job? I love you. Alessandra

Coinquilin* di antinnocenza: