Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Se sei amat∂ sei contornat∂ da una linea immaginaria.

 Negli anni '80 e '90 andava in onda un'inquietante pubblicità progresso sull'Aids in cui, col sottofondo della magnetica voce di Laurie Anderson ("O superman") degli esseri umani si coloravano di un contorno viola, a significare che questa terribile malattia poteva colpire chiunque.

 Me lo sono ricordata quando ho pensato che nel momento in cui ti innamori di qualcun∂ è come se gli/le mettessi attorno una linea che l∂ separa dagli altri.

 É come se vivesse solo per te: quando ti guarda vede solo te e quando parla mette solo te a parte della sua esistenza.

 Il che da un lato è meraviglioso perché ti fa vivere in una sorta di estasi continua, rinforzata da ogni occhiata e ogni parola. Avete il vostro codice, fatto di sorrisini e modi di dire che nessun∂ conosce: basta uno sguardo e già hai rinforzato l'intesa... l'amore cresce.

Ma quel contorno può rivelarsi un'arma a doppio taglio. Un giorno scopri che c'è stata un'occhiata e una parola fuori da quella linea.... con un uomo o con una donna poco importa: è una persona che si sta accaparrando un pezzo della "torta" che hai cucinato, curato e coccolato tu. E la tua insicurezza ti farà pensare che non vede più il tuo contorno... tu vedi il suo ma tu sei diventat∂ invisibile.

A quel punto, inizi prima ad alzare una mano per dire che ci sei, poi ad alzare la voce, infine a vedere quel contorno in chiunque vi circondi.  L'insicurezza diventa gelosia, dubbio, ossessione. Non siete più in due, ma decine di persone che si contendono uno stesso pezzetto di felicità. Hai perso la fiducia.

Non credi che quegli sguardi e quelle parole che inizialmente ti davano tanta forza possano essere il punto fermo di una storia piena di imprevisti e di difficoltà.

Non credi più che quel contorno possa proteggervi... che possa essere talmente marcato da resistere agli urti come una barriera respingente.

Non ti sei accort∂ nemmeno che lo hai cancellato tu, dimenticandoti che la persona che ami è solo una persona, con delle interazioni proprie che non sempre ti prevedono e degli interessi che non ti coinvolgono.

Perciò smetti di usare il contorno come simbolo di esclusività e di fiducia e quindi di amore. Smetti di fissarlo ossessivamente e di temere che si allunghi. Ricordati il suo significato... è amore, non possesso. Non lasciarlo diventare una malattia pericolosa.

 

LINK 

Spot sull'Aids

La fiducia non si misura

Coinquilin* di antinnocenza: