Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

  La bravura di Joel ed Ethan Coen sta nel saper miscelare i generi e nel delineare bene i personaggi: "Fratello dove sei", "Il grande Lebowski", "Ladykillers", "Non è un paese per vecchi" e gli altri titoli della loro filmografia sono godibilissimi perché sempre imprevedibili. E poi, nel 1996, sono i registi di "Fargo", una crime story ambientata nel Minnesota del 1987, così amata e premiata da aver motivato i Coen, quasi 20 anni dopo, a diventare produttori esecutivi di una serie ad essa ispirata.

  

Più di una, a dire la verità. Si tratta di un drammatico-poliziesco sempre ambientato in Minnesota, dove le anime sono fredde come la neve che cade in continuazione. Ci sono delinquenti che risolvono tutto uccidendo chiunque si metta sul loro cammino e poliziotti calmi e un po' imbranati che, nonostante si trovino in mezzo a situazioni difficili, riescono sempre a cavarsela.

Nella prima stagione è il 2006 quando a Bemidji arriva il violento Lorne Malvo che coinvolge nella sua scia di sangue l'assicuratore Lester Nygaard e sulle loro tracce ci sono i giovani poliziotti Molly Solverson e Gus Grimly. Nella seconda è il 1979 quando a Luverne si consuma la lotta mafiosa fra la famiglia Gerhardt e "quelli di Kansas City", in cui vengono coinvolti anche il macellaio e la parrucchiera, e ad occuparsene è il padre di Molly, Lou Solverson, assieme al suocero. Nella terza è il 2010 quando, a Eden Prairie, Emmit Stussy (in perenne lotta col fratello gemello Raymond) si mette in affari (loschi) con V.M.Varga, creando una reazione a catena di omicidi su cui indaga la poliziotta Gloria Burgle.

In tutti gli episodi non mancano magnifiche inquadrature, humor, con battute esilaranti pronunciate spesso proprio nei momenti in cui la carneficina raggiunge il suo apice, e storielle che non sembrano aver attinenza con nulla ma in realtà preannunciano eventi futuri. La serie può inoltre contare su un magnifico cast, che annovera Billy Bob Thornton, Martin Freeman, Colin Hanks, Kirsten Dunst, Ted Danson, Ewan McGregor (in un magnifico doppio ruolo), David Thewlis, Ray Wise (e quando appare io presagisco sempre il manifestarsi di eventi fuori dell'ordinario...che puntualmente accadono) e dei fantastici comprimari.

Alla fine di ogni stagione è inevitabile chiedersi come funzioni il fato, che coinvolge le persone più semplici in situazioni più grandi di loro. Ma, forse, in realtà, c'è proprio bisogno solo di semplicità e coraggio per sopravvivere.

 

FARGO

Joel and Ethan Coen know very well how mix the genres and emerge charachters: "O brother where are thou", "The big Lebowski", "The ladykiller", "No country for old men" and their other movies are enjoyable and unforeseeable. In 1996 they create "Fargo", a crime story taken place in Minnesota in 1987, and it was so loved and awarded that, after 20 years, they decide to produce a tv serial with the same name.

More than one, really. It's a drama-detective story taken ever place in Minnesota, as the original, where souls are cold like the snow falling down from the sky all the time. There are killers with no mercy for anyone and calm and clumsy policemen who always survive to difficult situations.

In season 1 it's 2006 when in Bemidji arrives the violent Lorne Malvo involving, in his trail of blood, an insurer, Lester Nygaard, and the young policemen Molly Solverson and Gus Grimly. In season 2, it's 1979 when Luvern is the center of a mafia feud between the Gerhardt family and "Kansas City", involving the butcher, the hairdresser and the policemen Lou Solverson (Molly's father) and his father-in-law. In season 3 it's 2010 when, at Eden Prairie, Emmit Stussy (always questioning with his brother Raymond) begins to work with a sketchy business man, V.M. Varga, creating a killing chain involving the policemen Gloria Burgle.

Every episode has beautiful shots, a lot of humor, especially when the slaughter is at top, and little stories that apparently don't have a meaning but instead they foresee future events. "Fargo" has also an amazing cast, with Billy Bob Thornton, Martin Freeman, Colin Hanks, Kirsten Dunst, Ted Danson, Ewan McGregor (in a brillian double role), David Thewlis, Ray Wise (and when he appears I always think about something supernatural is happening...and it's always true) and talented second leads.

At the end of every season, I've asked myself how the fate works, putting simple people in so terrible situations. But maybe we only need simplicity and courage to survive. 

Coinquilin* di guardopenso: