Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

Nel mio post sulle principesse vi ho descritto Elisabetta come "anaffettiva, distaccata e austera". In questo serial la conosciamo meglio.

Filtrata dalla visione di Stephen Daldry, la vediamo rinunciare alla vita di una qualunque ragazza e moglie e madre per diventare Regina d'Inghilterra. Nel momento in cui accade, la sua intera esistenza si trasforma e chi la circonda cambia atteggiamento nei suoi confronti sia che si tratti della madre, della sorella, del marito che degli amici...diventano tutti sudditi. Si sviluppa una scala gerarchica molto rigida e al di sopra di chiunque, anche di Elisabetta, c'è la Corona. È come dotata di vita propria: una volta posata sulla testa della donna diventa infatti il personaggio principale dell'intera narrazione, perché ha il potere supremo, datole da millenni di tradizione. Alla Regina e ai suoi eredi il compito di renderla più "malleabile" e moderna.

La stagione 1 inizia con il matrimonio tra Elisabetta e Filippo e termina con quello mancato tra la sorella Margaret e Peter Townsend. Ho apprezzato molto le interpretazioni di Claire Foy (il suo volto è costantemente imperturbabile ma ci fa comprendere sempre con chiarezza cosa stia pensando) e Matt Smith, ma il vero mattatore è John Lithgow nel ruolo di Winston Churchill.

Anche se conosciamo già cosa accadrà e "chi l'avrà vinta" è comunque molto interessante conoscere come si sia giunti a quelle conclusioni e capire meglio la psicologia di chi ancora regna.

 

 

 

Coinquilin* di guardopenso: