Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Chi volevamo essere negli anni del progresso?

Quando la tecnologia inizia a farsi strada nel mondo,  ciò che temiamo è che possa influenzare anni che fin dall'inizio sembrano di guerra, tra il Golfo e Tangentopoli. tra la caduta dell'Unione Sovietica e la riforma dei partiti politici.

C'è molta paura, negli anni Novanta: l'inspiegabile morte di Simonetta Cesaroni e di Marta Russo, il massacro del Circeo, il disastro di Seveso e i diavoli della Bassa Modenese sono solo alcuni degli eventi che ci costringono a fronteggiare aspetti umani inquietanti e spaventosi.

Perciò, quando vogliamo evadere, attraverso il cinema e la televisione, cerchiamo ragazze libere.

Iniziando da SISSY HANKSHAW, sebbene in realtà non appartenga agli anni '90. La fantasia di Tom Robbins la crea nel 1976, ma nel 1994 Gus Van Sant le dà il volto di Uma Thurman.

 Un volto perfetto, angelico, innocente, un fisico longilineo (e questo è più 90s che 70s) e un'aria stralunata che ben si adattano all'autostoppista dai pollici enormi che va a vivere in un ranch dell'Oregon con delle cowgirls.

L'autostop permette a Sissy di trasformare "il suo difetto" in un magico potere che le permette di vivere e di essere libera, lontana dalle convenzioni e dalle prese in giro: Ti stupiresti di quello che possono fare le donne quando indirizzano quell'energia sforna-bambini verso qualche altra impresa.

 Nel ranch, con Bonanza Jellybean e le altre ragazze, Sissy capisce il significato dell'essere donna, dell'essere amata e dell'essere indipendente: Gran parte della vita si riduce al problema se una persona possa essere in grado di realizzare le sue fantasie, o altrimenti ritrovarsi a sopravvivere soltanto attraverso compromessi che non può affrontare. Da come la vedo io, paradiso e inferno sono proprio qui sulla Terra. Il paradiso è vivere nelle tue speranze, l'inferno è vivere nei tuoi timori. Sta a ciascun individuo scegliere l'uno o l'altro. Ma ogni timore è in parte speranza e ogni speranza è in parte timore.

Conversando poi con il Cinese, lo strano uomo saggio che abita nella montagna dietro il ranch, si ritrova a pensare alla vita, alla morte, al tempo, all'evoluzione, al potere della mente e del sesso e al cambiamento (ma devi leggere il libro per saperlo...il film è molto più frammentario). 

 

LINK

Marta Russo

"Veleno"

Trailer di "Cowgirls - Il nuovo sesso"

Coinquilin* di guardopenso: