Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

Ho sempre avuto problemi coi latticini. Sempre, da e per tutta la vita.

Da piccola mi grattavo come una matta e, specie d’estate (quando la dose aumentava grazie ai buonissimi gelati), le mie giunture si riempivano di croste che non smettevano di “piovere” (buttavano fuori acqua e non c’era medicazione che potesse assorbirla tutta). Feci l’esame e ottenni risultati allergici altissimi.

Poi, con lo sviluppo, credevo mi fossero passati. Ho smesso di grattarmi. Ma sono arrivati altri problemi intestinali a cui non davo peso…sembrava colon irritabile o una strana correlazione con le mie ovaie. Di nuovo analisi e ritrovandomi con il colesterolo alle stelle ho tolto anche i latticini. Sono stata meglio. Sto meglio.

Ogni tanto non posso evitare di “sgarrare”…capita sempre la torta fatta in casa o di compleanno a cui non posso proprio dire di no e il piatto di pasta in cui è stato grattugiato del formaggio…cerco di non esagerare nelle porzioni e di stare ligia col resto così quella piccola quantità non mi fa stare male. Però ho capito che qualche forma di latte ogni tanto la devo assumere.

Ho iniziato con il vegetale, quello ottenuto filtrando “i succhi” di alcune materie prime. E ho tre preferiti: mandorla, cocco e nocciole. Adoro questi alimenti e la dolcezza della bevanda. Li ho sempre gustati da soli, coi cereali e/o la frutta, ma sono curiosissima di provarli nelle ricette…so che nei dessert saranno ottimi, ma anche in quelle salate possono dare tanta soddisfazione (tipo il cocco nel pollo, per esempio). Il latte di riso ha un sapore piuttosto neutro e di latticino; mi piace bevuto da solo, d’estate, freddo di frigorifero (ne ho anche trovato uno di riso e cocco: il mix perfetto....leggero e goloso). Ho sinceramente qualche difficoltà col latte di avena e di soia…mi duole dirlo ma sanno ancora troppo “di cartone”…specie la soia, che devi ricordarti di mescolare sempre o ti trovi nel fondo una poltiglia densa tipo fanghiglia che non è né bella da vedere né buona da mangiare. Il latte di noci ha un gusto fortissimo…è come ingoiarne venti in una volta. Devo ancora provare quello di anacardi…e attendo con fiducia quello di piselli.

Infine sono passata ai prodotti esplicitamente senza lattosio. Siccome il togliere qualcosa di naturalmente presente lo trovo piuttosto strano (un po' come togliere un occhio a qualcuno e pretendere che ci veda) sono andata per gradi. Ho iniziato con una formaggella, a pezzettini, nell'insalata di riso. Poi col mascarpone, in un dolce. E con il burro, a colazione, nel weekend, con pane e zucchero. Infine, lui, lo Zymil, bevuto a freddo: buono come l'altro.

Ma vi devo dire la verità. Limitare i latticini è uno stimolo non indifferente per mangiare meno dolci e formaggi e sostituirli con più frutta e verdura, quindi credo che continuerò a usare il prodotto vegetale e, ogni tanto, nelle torte, burro vero. Ma c'è qualcosa a cui non posso resistere: il mio gelataio usa acqua per preparare i gusti limone, fondente, fragola, mango e zenzero...ne esalta la ricchezza ed è FA-VO-LO-SO!

 

I'M A DAIRY INTOLERANT!

I've always had problems with dairy products. Always, for all my life.

As a child, I scratched myself and, especially during the summer (eating a lot of ice creams), my joints were full of scabs discharging water (there was no medication absorbing it all), so I made my medical exams, discovering a dairy intolerance.

Growing up, I stopped scratching, so I thought I had resolved the problem. But something in my intestine was wrong...it could be spastic colon or a disfunction in the ovaries. I did other medical exams and the result was: high colesterol. So I took away all fatty foods, including dairy ones. And I was batter. I am better.

Sometines I couldn't avoid to make mistakes, especially during a birthday with the cake or with a cheese over the pasta, so I try not exagerate with doses; I know that if my body is dairy free, that little dose won't lead inconveniences. But I even know I have to drink some kind of milk for my bones, so I begin with vegetable ones.

I have three favorites, almond, coconut and hazelnuts: I love this foods and the sweetness of the milk; I've always drank them with cereals and/or fruits, but I want to try them in some recipes (even the salty ones, like chicken & coconut milk). Rice milk has a neutral taste; I like drinking it during the summer, very cold (I found a rice and coconut milk, also...the real perfection...light and greedy!). I sincerely have difficulties with oats and soy milk: I apologize but it's like drinking liquid paper, especially the soy one (and you have to mix it everytime or at the end in the glass will fall something like mud...disgusting!). Walnut milk is very very very strong...it's like swallow 20 walnuts in one fell swoop. I have to tray cashew nuts and peas milk.

I bought also dairy products without lactose, even if, in my opinion, taking away something natural from milk is like take away an eye to a human being. Initially a cream cheese for lunch and a lactose-free butter for breakfast, with bread and sugar. And finally a lactose-free milk, drinking it.

But I have to tell you the truth. Limiting the dairy products is the best stimulus to eat less desserts and cheeses, replacing them with fruits and greens. So i think I will continue to buy vegetable milks and, sometimes, in baked pies, real butter. But there's somehing irresistible for me: my favourite ice-cream parlour uses water to prepare lemon, dark chocolate, strawberry, mango and ginger...it exalts their natural richeness and it's faboulous!!!

Coinquilin* di mangioscrivo