Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Il sottotitolo della ricetta è "se vien buona è un miracolo" perché cucinarla è stata un'odissea, che vi racconto.

Mentre disponevo gli ingredienti sul tavolo mi sono accorta che avevo poche mandorle per cui ho iniziato proporzionando le dosi "a matita" al quantitativo che avevo...alla terza serie di divisioni mi sono stancata e ho deciso di applicare la tecnica della nonna, "a occhio", convinta di uscirne vittoriosa, anche se il mio occhio è poco allenato.
Avevo 90g circa di mandorle e le h macinate con circa 150g di cioccolato bianco e 1 cucchiaio raso di zucchero. A parte, in una ciotola, ho mescolato circa (il circa è fondamentale, quindi d'ora in poi lo ometterò, ma sappiate che è obbligatorio) 125g di burro (che voleva morbido ma io lo avevo di frigorifero...e vabbè, tanto stiamo improvvisando!), 2 cucchiai di zucchero, 3 tuorli, limoncello qb (qb è peggio di circa) e un pizzico di sale...ci voleva la buccia di limone, ma non lo avevo, e ci voleva la fecola, che non avevo (e a questo punto mi è sorta la domanda: ma non potevi cucinare qualcos'altro???), quindi l'ho sostituita con 1 cucchiaio di farina. Ho assaggiato il risultato e il sapore era buono, comunque. A questo punto, dando un'occhiata alla tv ho visto che stavano intervistando Carlo Cracco, quindi ho deciso di montare gli albumi con lo zucchero in salotto (non fatelo mai!!!) e nel mentre mi sono ricordata che dovevo mettere il lievito nell'impasto, così l'ho aggiunto, qb (e questo vuol dire amare il pericolo). Poi vi ho unito anche le mandorle cioccolobiancose (massì...inventiamo anche un neologismo) e gli albumi montati (mescolando dal basso verso l'alto...sai com'è..mi stava "guardando" Cracco!!!), ho imburrato e infarinato lo stampo, versato la mia creatura e via, in forno ventilato a 150°C per 40'.
Ho sbirciato a metà cottura e aveva l'aspetto di una torta che ha intenzione di lievitare, non di rimanere spetasciata dov'è.
Tolta dal forno, l'ho fatta riposare e porzionata...vi assicuro che era tanto buona quanto carina...perciò, guardate la foto e giudicate da soli...

Coinquilin* di mangioscrivo