Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

 "Voglia di rinascita"

 

Leggila qui 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 Sono terrorizzata un casino, come prima di certi esami all'università. Sto per andare al consultorio. Non ho mai fatto esami ginecologici e ho paura di quello che succederà. 

 L'ho scritto io, in un vecchio diario, ma sono parole che potrebbero essere nel diario di qualsiasi adolescente. Avevo così paura che stavo sollevata con le chiappe dal lettino e sentii un dolore terribile perché mi ero irrigidita. Che è proprio quello che non si dovrebbe fare. 

Per non sentire dolore, vi sdraiate, mettete i piedi sugli appositi sostegni e fate dei respiri (qui vi ho spiegato come) per rilassare la muscolatura.

Naturalmente, è molto importante fidarsi dell∂ ginecolog∂. La mia prima la chiamavo "la macellaia", poi c'era "il dottor Caligari" (perché l'ambiente ricordava "Il gabinetto del dottor Caligari", film del 1920) e ora ho una dottoressa bravissima e disponibile. Vederla è diventato il mio regalo di compleanno: ogni anno, in ottobre, fisso un appuntamento di controllo; scegliere una data precisa aiuta a non dimenticarlo.

La prevenzione è infatti l'unico modo per contrastare le malattie. Soffro di una forma lieve di endometriosi quindi so quanto sia importante fare quella visita.

Soprattutto, però, la ginecologa mi ha educato sul mondo delle mestruazioniQui ve ne ho parlato dal punto di vista degli effetti, ma ci sono altri argomenti di cui discuto con lei:

- I tamponi. Ai tempi di mamme e nonne erano pezzuole lavate e disinfettate per essere riciclate. Oggi è tutto usa-e-getta e a prezzi sempre più elevati, non considerando che sono un bene di prima necessità.

Parlarne non dovrebbe essere un tabù. Per fortuna nelle pubblicità si vede qualcosa che somiglia davvero al sangue (anche basta all'orrendo blu!). Alle ragazzine bisogna parlare con chiarezza: in quei giorni non saranno più grasse, più brutte e soprattutto più sporche rispetto al solito e se cade loro un assorbente dallo zaino non vanno prese in giro, esattamente come quando cade loro un libro. Dire "Ho le mestruazioni" dovrebbe essere una frase priva di pregiudizi, al pari di "Mi fa male un dente" e simili. E anche basta chiamarle con quei nomignoli tipo "le mie cose" o "il marchese": mestruazioni, 11 lettere, è facile.

Ci sono modi per fare sesso anche in quei momenti. Alcuni uomini non si avvicinano per paura del tuo umore e degli odori che emani. Direi che con una corretta igiene e un pò di fantasia sia tutto risolvibile. E, ps, usate il preservativo, sempre, anche durante il ciclo.

Non abbiate paura della visita ginecologica: è un'occasione preziosa per stare meglio sia fisicamente che psicologicamente.

 

 

 

 

 

 

  

Coinquilin* di mentecorpo: