Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 Sono a favore, e difendo a spada tratta, tutte le donne che descrivono il genere femminile con sincerità.

 Chi è d'accordo con me avrà sicuramente sentito nominare queste fantastiche scrittrici: Lena Dunham, Caitlin Moran e Nora Ephron.

 Non ci sono tabù nei loro libri: si mettono a nudo anche nel linguaggio perché quelli che espongono non sono solo i pensieri di una persona, ma la verità sull'intera generazione femminile.

 Ti lascio dunque alcuni spunti di riflessione riguardo temi su cui tutte concordano.

 LA PERDITA DELLA VERGINITA'

 Dopo un periodo più o meno lungo passato a sperimentare il sesso in solitaria, per ogni donna arriva quel momento. I genitori ti implorano di aspettare, i ragazzi ti implorano di cedere (ma non vogliono essere i primi perché temono, dopo averlo fatto, di sentirsi dire che per la cerimonia preferisci una coroncina, che col velo da sposa ci sta benissimo): il risultato è una forte pressione psicologica che rende la prima volta di una donna estremamente impacciata.

Poi, una volta "superato lo scoglio", non c'è niente di male ad avere esperienze con diverse persone: basta ricordarsi che mostrarsi troppo disponibili induce certi uomini ad approfittare del tuo affetto; se succede, mollali, mostrando per loro lo stesso rispetto che loro hanno avuto per te: zero.

DIRE "TI AMO"

Quelli detti durante il sesso non contano.

Quello vero di solito non è rivolto al figo a cui la dai la prima sera, ma a quello che come prima impressione ti ha fatto pensare: "Ma da dove arriva questo stronzo? Da Marte?" e che nel prosieguo della vostra storia ti abbatte alcune certezze facendoti capire che non erano poi così importanti.

LA BILANCIA

Finché non ne hai conoscenza diretta, il tuo peso è l'ultimo dei tuoi pensieri; quando ci sali la prima volta firmi un patto col diavolo e questo oggetto ti ossessiona per la vita. Diventa l'occhio con cui tutt∂ ti guarderanno (o almeno è così che la pensi) nonché il metro di quanto i tuoi problemi di autostima possano rovinarti l'esistenza.

LA BORSETTA

È un guazzabuglio di biglietti da visita, scontrini, trucchi, fogli, caramelle e pillole indistinguibili. Sai cosa ci butti dentro ma non cosa ne esce. Alcune le preferiscono costose, altre vintage, ma resta il fatto che le borse contengono l'essenziale senza cui una donna non vive.

LA MORTE

Non deve diventare un pensiero ossessivo, ma deve non solo attraversarci la mente, ma lasciare consapevolezza di sé. Dobbiamo renderci conto che le persone care possono morire e sapere che possiamo farcela a sopravvivere. E che moriremo anche noi, perciò è importante vivere la vita appieno e non rimandare le cose che ci fanno felici. La morte non è comunque un buon motivo per fregarsene degli altri o del pianeta perché pensi che siano ininfluenti rispetto all'eternità che ti attende.

IL FEMMINISMO

Essere femministe non vuol dire battersi solo per i grandi temi, ma anche aiutare le donne ad accettarsi nella vita di tutti i giorni, pure se vogliono tenere i peli pubici (e non rasarli, come ci hanno insegnato i film porno per uomini) oppure portare i mutandoni.

LE ASPETTATIVE

Le donne si nutrono di immaginazione, quindi non biasimatele se hanno uno strano comportamento: stanno solo reagendo ad una situazione accaduta solo nella loro mente (piccolo consiglio: affidatevi ad una buona amica che vi tenga costantemente in contatto con la realtà).

I FIGLI

Procreare è ciò che la società si aspetta dalle donne. Essi cambiano però la vita e ne diventano il centro attorno a cui ruota tutto il resto. Alcune, con possibilità economiche (diciamocelo) possono ottenere tutto, ma per la maggior parte carriera e maternità coesistono con difficoltà, quindi va scelto di cosa occuparsi e nessuna va biasimata se sceglie la carriera.

INVECCHIARE

Gli uomini possono farlo senza problemi e lasciarsi andare. Alle donne invece si richiede di bloccare la propria età verso i 40 anni. La manutenzione inizialmente è piacevole, poi procede occupando sempre più ore del nostro tempo e portandoci via sempre più denaro.

Che siate d'accordo o meno con queste teorie sulle donne, regalatevi il piacere di leggere Lena Dunham, Caitlin Moran e Nora Ephron, qualsiasi libro loro vi capiti in mano: sono intelligenti e brillanti e non potrete fare a meno di ridere con loro di loro e di voi!!!

 

 

 

Coinquilin* di paroleparole: