Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille, solo io e te

 

 

 

 

 

Vie d'uscita

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

È una confessione tutta d'un fiato, quella che andrete a leggere.

La confessione di Dolores, accusata per l'omicidio di Vera Donovan, la ricca anziana a cui faceva da governante/donna delle pulizie, di cui si proclama innocente. Ma ammette invece senza rimorsi la sua colpevolezza per la morte del marito.

Dolores è una di quelle donne rese forti e dure dalla vita.

Abita in un'isola dove vige ancora la tacita legge dell'obbedire senza lamentarsi. Invece lei fa sentire la sua voce, e non per pronunciare parole melliflue e caritatevoli, ma per dire la verità, senza vergogna e senza remore.

In ogni paese, o quartiere cittadino, c'è una come lei, che conosce vizi e virtù di tutti, e per questo è sempre guardata male, come se fosse una fattucchiera, e in realtà ha solo sofferto molto: Certe volte fare la carogna è tutto quel che resta a una donna, le dice Vera, e penso abbia ragione.

La scrittura di Stephen King è fluida, profonda, metaforica. È completamente immerso nella psiche di Dolores, la conosce e la manipola per scrivere un romanzo non horror ma comunque intenso ed appassionante.

 

 

Consigli

 

 Il successo del libro è stato tale che due anni dopo, nel 1995, Taylor Hackford ne ha tratto un film, "L'ultima eclissi", con Kathy Bates e Jennifer Jason Leigh.

Stephen King non ama molto le trasposizioni dai suoi romanzi, e stavolta sono d'accordo con lui, principalmente per due motivi.

Il primo è che ruota attorno al rapporto tra Dolores e la figlia Selena, mentre nel libro è quello tra la donna e Vera ad avere un ruolo centrale.

Il secondo è la scelta di Kathy Bates ad interpretare Dolores: indubbiamente bravissima e talentuosa, ma aveva già offerto una prova superlativa (da Oscar) in "Misery non deve morire", cosa che finisce per oscurare completamente questo personaggio.

Il mio consiglio quindi è di dimenticarlo e di immaginare la vostra Dolores...leggendo la sua confessione ne delineerete tratti fisici e personalità e capirete davvero il perché delle sue impopolari scelte.

 

     Alice Sebold.  "La quasi luna". La storia di Helen che, esasperata, uccide la madre dispotica e invalida in un impeto di rabbia, mi ha ricordato molto il rapporto di amore e odio tra Vera e Dolores.

Helen ha anche lo stesso carattere, provato dalla vita, e la medesima voglia di ribellarsi alla famiglia e ai vicini di casa.

Una donna in cui vi ritroverete nel lato più selvaggio e duro...quello in cui proprio non ne potete più e siete in cerca di una via di fuga....una qualsiasi.

 

 

Coinquilin* di paroleparole: