Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Michela Murgia (specie assieme a Chiara Tagliaferri) ama le storie di ragazze che tua madre non approverebbe. 

 Anche io. E dovresti amarle anche tu.

 Per capire quali sono leggi e/o ascolta "MORGANA".

 Nel libro (2019, Mondadori) ci sono Moana Pozzi, Caterina da Siena, Grace Jones, le sorelle Brontë, Moira Orfei, Tonya Harding, Marina Abramovic, Shirley Temple, Vivienne Westwood, Zaha Hadid.

 Sono Morgane molto diverse le une dalle altre, ma soprattutto sono diverse da noi, che siamo cresciute obbedendo a rigide regole morali che abbiamo creduto fossero dogmi indissolubili... finché sono arrivate loro e ci hanno fatto credere alla libertà di essere ciò che volevamo essere... anche esagerate, pacchiane e irriverenti.

 Nel podcast, un appuntamento mensile (dal 2018, su storielibere.fm, presente nelle principali piattaforme) ce ne sono altre e Michela Murgia incontra in ogni puntata anche personaggi esperti della tematica di cui la Morgana in questione è un esempio, oltre a consigliare libri e serie tv.

 Si parla dunque di donne per parlare di qualcosa che riguarda tutt3 e per aprire la mente e vivere in modo più anticonformista e rivoluzionario.

 Queste donne vogliono piacersi, non compiacervi ed è questa la prima lezione da imparare e non dimenticare. Non hanno obbedito a nessuna legge del patriarcato, le hanno trasgredite tutte eppure hanno avuto comunque successo, sebbene siano state attaccate, disprezzate, condannate, additate e, se i tempi fossero stati diversi, sarebbero state tutte bruciate.

 Le loro storie sono raccontate con maestria,chiarezza e semplicità. Ti insegneranno qualcosa e ti riconoscerai in una o più di una, aprendoti a possibilità che non avevi ancora esplorato..

 

 

 Il secondo libro tratto dal podcast si intitola "MORGANA - L'UOMO RICCO SONO IO" (2021, Mondadori). Si tratta sempre di biografie, ma sono state scelte quelle la cui Morgana ha saputo crearsi un'indipendenza economica. (Il sottotitolo proviene da un episodio accaduto a Cher: quando la madre le chiese quand'è che si sarebbe trovata un uomo ricco per "sistemarsi" lei rispose: "Mamma, l'uomo ricco sono io").

  I soldi sono il vero tabù da violare quando si parla di donne, perché il denaro è il potere maggiore di tutti, quindi per definizione è stato per anni solo degli uomini. Lo scopo della vita delle donne nel frattempo è stato quello di fare buoni matrimoni per accedere alla sicurezza di buoni patrimoni, con il sottotesto che a loro non servissero i soldi, ma solo un uomo che li avesse. Le donne non potevano avere proprietà privata perché erano loro stesse proprietà privata, prima dei padri e poi dei mariti, che sposandole facevano proprie anche le loro doti.

 Come hanno fatto dunque Nadia Comaneci, Francesca Sanna Sulis, J.K. Rowling, Helena Rubinstein, Angela Merkel, Veuve Cliquot, Beyoncé, Chiara Lubich e Asia Argento a fare i soldi?

In modo più semplice di quanto crediamo, ovvero "sfruttando" strumenti che già possedevano: empatia, pensare fuori dagli schemi, abilità nel gestire un gruppo che coinvolge diverse figure professionali, mettere a frutto ciò che si è imparato durante l'infanzia, impegno, pazienza, costanza, lungimiranza, conoscenza dell'ambiente in cui si opera, continua formazione, fantasia, semplicità (ma con punte di ribellione), ossessione, passare inosservate per poi fare un balzo in avanti in modo quasi inatteso e trasformare le sfortune e le disgrazie e la rabbia in opportunità. Sono state se stesse e ci hanno guadagnato perché talento e determinazione danno da vivere, se usat3 con intelligenza.

Spesso a pagarne il prezzo è la sfera personale, ma non tutt3 sono capaci di stare vicin3 a chi è Morgana dentro.

 Siccome poi questo libro parla di emancipazione, è scritto in modo inclusivo: Michela Murgia e Chiara Tagliaferri usano la schwa (∂) per la prima volta nell'editoria, togliendo potere linguistico al maschile sovraesteso. Potrà sembrarti strano (be, se sei qui no, perché io la uso abitualmente), ma è incredibile come un segno grafico possa davvero allargare la visione: sembrano molte più persone di quelle che avresti immaginato. E la forza delle loro parole diventa ancora più incisiva.

 

 

 LINK

 Vita da pornostar

"Tonya"

Cher "Believe"

 

Coinquilin* di paroleparole: