Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille, solo io e te

 

 

 

 

 

Vie d'uscita

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 Sono a favore, e difendo a spada tratta, tutte le donne che descrivono il genere femminile con sincerità.

0
0
0
s2sdefault

Quest'estate in un paese accanto al mio, Bibbiano, è scoppiato uno scandalo in cui sono stati coinvolti bambini, psichiatri e istituzioni pubbliche: affidi forzati, maltrattamenti e torture. Ci siamo stupiti tutti, ma per il motivo sbagliato: non per la gravità dei fatti (a cui purtroppo siamo abituati vedendoli spesso in tv) ma perché è capitato "agli insospettabili vicini di casa". L'indignazione ovviamente non deve mancare, ma bisogna cambiare l'obiettivo: non verso i colpevoli (non spetta ai cittadini condannare senza avere gli strumenti, o ritorneremo presto all'epoca delle pietre e dei forconi per cacciare l'orco), ma verso l'infanzia violata e calpestata. Così, mentre aspetto che la giustizia faccia il suo corso, ho pensato fosse meglio ricorrere ad alcuni libri che possano aprirmi meglio la mente su problematiche tanto delicate, in modo da ragionarvi con cognizione di causa e farmi un'idea corretta in proposito, e mi sono rivolta alla letteratura-realtà di veri esperti: lo Spotlight team e Torey L.Hayden.

0
0
0
s2sdefault

Se, leggendo questo titolo, avete pensato ai libri "Storie della buonanotte per bambine ribelli", avete fatto bene...vuol dire che il messaggio di quei volumi è stato trasmesso correttamente.

0
0
0
s2sdefault

Per quanto mi riguarda, questo album ha segnato una svolta. Non fosse altro perché mi sono ritrovata ad aspettarlo più di "Madame X" di Madonna. Ma anche per altri motivi, più profondi e personali.

0
0
0
s2sdefault

 

Leggere è il mio hobby preferito. Da quando ho cominciato (prima di iniziare le elementari) compitando i testi di "A B C Disney" non ho più smesso.

0
0
0
s2sdefault

 

Ho sempre adorato, e adoro, i cartoni animati. ma trovo che i fumetti abbiano qualcosa in più.

0
0
0
s2sdefault

 

 Ho avuto a che fare coi Måneskin solo da “Morirò da re” in poi. Il che significa che mi sono persa la loro irresistibile ascesa a “X-Factor” e che non sono una di quelle cougar/milf che si ritrovano improvvisamente infatuate di un ragazzo da poco maggiorenne solo perché si mostra a petto nudo, si trucca ed è innegabilmente quello che in gergo viene chiamato “animale da palcoscenico”.

0
0
0
s2sdefault

  La prima volta che ho posato gli occhi su Alice è stato grazie al film di Walt Disney (1951) ed era impossibile per me non adorarlo.

0
0
0
s2sdefault

 

Quante volte abbiamo detto: “Sì, il film è bello…ma è meglio il libro”??? Ok, scopriamo se è vero.

Coinquilin* di paroleparole: