Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

Come invecchiare e prenderla bene

 

In esclusiva per te

 

Un viaggio sulla DeLorean

Un esercizio antistress

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

È una confessione tutta d'un fiato, quella che andrete a leggere.

0
0
0
s2sdefault

 

 Sono a favore, e difendo a spada tratta, tutte le donne che descrivono il genere femminile con sincerità.

0
0
0
s2sdefault

Per quanto mi riguarda, questo album ha segnato una svolta. Non fosse altro perché mi sono ritrovata ad aspettarlo più di "Madame X" di Madonna. Ma anche per altri motivi, più profondi e personali.

0
0
0
s2sdefault

Quest'estate in un paese accanto al mio, Bibbiano, è scoppiato uno scandalo in cui sono stati coinvolti bambini, psichiatri e istituzioni pubbliche: affidi forzati, maltrattamenti e torture. Ci siamo stupiti tutti, ma per il motivo sbagliato: non per la gravità dei fatti (a cui purtroppo siamo abituati vedendoli spesso in tv) ma perché è capitato "agli insospettabili vicini di casa". L'indignazione ovviamente non deve mancare, ma bisogna cambiare l'obiettivo: non verso i colpevoli (non spetta ai cittadini condannare senza avere gli strumenti, o ritorneremo presto all'epoca delle pietre e dei forconi per cacciare l'orco), ma verso l'infanzia violata e calpestata. Così, mentre aspetto che la giustizia faccia il suo corso, ho pensato fosse meglio ricorrere ad alcuni libri che possano aprirmi meglio la mente su problematiche tanto delicate, in modo da ragionarvi con cognizione di causa e farmi un'idea corretta in proposito, e mi sono rivolta alla letteratura-realtà di veri esperti: lo Spotlight team e Torey L.Hayden.

0
0
0
s2sdefault

 

Ho sempre adorato, e adoro, i cartoni animati. ma trovo che i fumetti abbiano qualcosa in più.

0
0
0
s2sdefault

 Ina Garten è una professionista del catering (suo dal 1978 il Barefoot Contessa degli Hamptons, ma è anche un ex dipendente della Casa Bianca nonché collaboratrice di Martha Stewart)che, nel 2001, ha deciso di condividere la sua esperienza in questo libro.

0
0
0
s2sdefault

 Ogni regime alimentare è differente dagli altri, perché il corpo non è lo stesso per tutti, solo molto simile. Quindi le diete universali stanno perdendo, giustamente, favore, e la preferenza è virata verso quelle personalizzate. Questo volume, di Lena Tritto (testi) e Rossella Venezia (fotografie) aiuta a destreggiarsi in questo labirinto proponendo ricette senza glutine (sostituito da farine di riso, mais, miglio, grano saraceno, quinoa, amaranto, ceci, castagne, mandorle, nocciole, ma anche da fecola di patate e tapioca) e/o latte (usando invece latte di soia e di semi oleaginosi, bevande di cereali, prodotti vegetali, tofu, fermentati e sostituti del formaggio) e/o uova (amidi, gelificanti, panature, pastelle non ne fanno sentire la mancanza) e/o zucchero (cambiandolo con prodotti più naturali quali miele, succo di mele o d'uva, sciroppo d'agave o d'acero, malto, stevia)...i "demoni" peggiori.

0
0
0
s2sdefault

 Lorella Cuccarini non si è mai esposta pubblicamente in campo gastronomico. Ma è certo che stia attenta alla propria alimentazione (non mangia mai pasti completi, i fritti solo a Natale, sempre pollo poco condito), visto l'aspetto che mantiene sempre giovane. Il suo segreto è affidarsi a due dermatologhe, Pucci Romano e Gabriella Fabbrocini, che le danno consigli preziosi.

0
0
0
s2sdefault

 "Simple" (vi lascio il link) mi era piaciuto molto: tante idee favolose. Così, appena ho letto il nome di Diana Henry su questo volume, mi sono precipitata a sceglierlo. Tanto più che ho subito scoperto essere improntato verso la leggerezza e la freschezza.

Coinquilin* di paroleparole: