Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille, solo io e te

 

 

 

 

 

Vie d'uscita

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 Il primo approccio con la meditazione me lo ha offerto un dvd dell'adrenalinica Jill Cooper: mi aspettavo una serie di pesantissimi esercizi orientali e invece mi ha fatto sdraiare per terra a non far nulla se non pensare ai miei muscoli che si rilassavano. Inizialmente, ma lei mi aveva avvisato, mi sono sentita agitata...mi sembrava di perdere tempo...dopo qualche giorno ho capito che anelavo quel momento.

Mi sono poi documentata sull'argomento, con maestri di yoga e leggendo un libro di Vera Peiffer sul pensiero positivo e sull'importanza del rilassamento mentale. E da allora non è che sono diventata una donna "Yè, è tutto meraviglioso, basta guardarlo dalla parte giusta"...no...in fondo sono affezionata al mio cinismo.

Solo che, di sera, quando mi sdraio a letto, dopo aver letto qualche pagina di un libro, chiudo gli occhi, metto i palmi verso l'alto, unisco indice e pollice e penso ai miei muscoli che si riposano. Di solito mi addormento appena sopra le ginocchia. Meglio. Perché se arrivo alla testa e devo rilassare i pensieri, allora mi occorre un certo qual sforzo.

La mente vaga, sempre: si muove tra passato e presente, tra il certo e l'incerto, si fa prendere da paure e ansie. E, soprattutto, ti fa credere di essere l'unica al mondo che si autocommisera.

Poi, una volta, mi sono ritrovata a parlare in una classe davanti a dei bambini...ed ero agitata, ovviamente...a quel punto mi giro e vedo la maestra ad occhi chiusi...era più agitata di me e stava recitando in un sussurro il mantra HAM-SO, imparato a scuola di meditazione!!! Alché mi sono detta che non sono la sola al mondo, che liberare la mente dalle preoccupazioni non è facile, ma che provarci è l'unico modo per riuscirci!

Sul come fare, vi lascio la scelta: che siano 10 minuti di pace lontano da tutti e da tutto (soprattutto dal cellulare) o un corso intenso di pratica Vipassana (che prevede 10 giorni di completo silenzio), dipende dalla vostra attitudine alla spiritualità. Basta meditare. Io continuo col mio metodo...anche solo riuscire ad addormentarmi mentre rilasso le cosce sarà un buon primo risultato!!!

 

 

Coinquilin* di mentecorpo: