Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

La newsletter che ti racconta  di me e del "dietro le quinte" del sito

 

 

 

 "Domani è un altro giorno"

 

Leggila qui 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 Può essere dolce o terribilmente velenosa.

 La mandorla contiene amigdalina, una sostanza che può trasformarsi in cianuro. Se guardi tanti telefilm crime quanti ne guardo io sai che quando qualcun∂ muore e c'è una boccetta, viene annusata, e, se si sente odore di mandorle si sa che la persona è morta per avvelenamento.

 La mandorla però è anche un tipo di frutta secca estremamente versatile: sta bene con albicocca, cannella, cocco, limone, melone, frutti di bosco, pesche ma anche con carne e pesce, spezie ed erbe di ogni genere, nonché nel pesto. Senza parlare di tutti i dolcetti e i biscotti che si possono cucinare!

 Io la mangio come snack o sottoforma di latte di mandorle, che ha un sapore golosissimo di confetti e dà a cappuccino e crema di cioccolato un sapore in più. E ultimamente ho provato il burro di mandorle, che è forse più buono di quello di arachidi... non so, devo mangiarne qualche altro vasetto e poi ti saprò dire...

  

 

 Torta di mandorle

 Accendi il forno a 180°.

 Ungi una tortiera. Trita 120g di mandorle: puoi farle a granella molto fine o lasciarle a pezzi più grossi, se preferisci. Setaccia 50g di fecola di patate e 100g di farina di mais. 

 Mescola 3 tuorli con 100g di zucchero di canna e 100g di olio d'oliva. Aggiungi le mandorle, fecola e farina, albicocche secche, 50g di canditi e gli albumi montati.

 Versa nella tortiera e inforna per 45'

 Come vedi dalla foto, non aspettarti una torta alta (non c'è lievito e l'albume fa quello che può), ma è comunque irresistibile!!!

 

 

  Fusilli mandorle e peperoni

 

 Guardare i film di Totò la domenica mattina è uno dei piaceri della vita e tenermeli in sottofondo mentre cucino mi fa pensare ai tempi passati. Mentre tagliavo i peperoni mi sembrava di essere le mie nonne che preparavano il pranzo per i loro mariti appena tornati dal bar o dall'orto. Una vita più semplice. Come questa ricetta: buona appena fatta o gustata dopo essere stata lasciata riposare...anche per un picnic o per pausa pranzo al lavoro.

 Fai tostare 2 cucchiai di mandorle in un padellino antiaderente.

 Taglia mezzo peperone rosso e mezzo giallo (privati di semi e filamenti) a losanghe e 1 cipollotto di Tropea a rondelle. 

 Fai lessare 250g di fusilli bucati corti.

 Scalda 4 cucchiai di olio extravergine in un'ampia padella, rosola il cipollotto e 5 filetti di alici sott'olio (si devono spappolare) poi aggiungi i peperoni, 2 cucchiai di olive nere, sale e pepe. Versaci poi la pasta con un poco di acqua di cottura e servi con le mandorle e basilico fresco.