Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

Come invecchiare e prenderla bene

 

In esclusiva per te

 

Un viaggio sulla DeLorean

Un esercizio antistress

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

   

 Avrei voluto iniziare parlando di quanto oggi ogni donna si senta bene nel suo corpo, di come finalmente ci siamo liberate di zavorre estetiche dateci da sempre da TV, giornali e social, di come il Body Positive abbia finalmente raggiunto il suo obiettivo. Ma no, non posso, perché c'è ancora molto da fare.

 Ciao, sono Enza e sono una brafitter! In pratica una consulente che aiuta le donne a trovare la taglia giusta di reggiseno, ma non solo. Sono quella che ti costringe a guardarti allo specchio, cosa che molto spesso tu non vuoi fare, e abbassi lo sguardo, perché non ti senti (anzi, non ti fanno sentire) adeguata. Ma adeguata a cosa?

 Mai come oggi c'è confusione su cosa vada bene e cosa no: gli stilisti fanno sfilare modelle magrissime e tutti " orrore - le ossa ai cani - vogliamo donne vere ", allora gli stilisti usano ragazze che si allontanano dai soliti canoni e tutti " orrore - ma come si fa? - la moda e bellezza! " Poi ci sono personaggi famosi che si fanno portatori del Body Positive ed è lì che si scatena l'inferno: c'è chi dice che facciano bene ma soprattutto c'è chi dice che utilizzano queste situazioni solo per sponsorizzare la loro persona e per accrescere l'importanza della loro immagine...puro lavoro, insomma! Purtroppo in pochi colgono il vero messaggio che c'è dietro ovvero " la perfezione non esiste!”

Alle mie clienti dico sempre una frase: "Quello che tu chiami difetto è la tua unicità, sfruttala!" Può sembrare banale o riduttivo ma è la verità.

Troppe donne soffrono perché hanno un corpo che non vogliono  e perché sempre più spesso ci fanno sentire "diverse". Il mio compito è quello di esaltare le curve di ogni donna, ma anche quello di farle sentire belle ,a proprio agio e reali. Instaurare un rapporto di fiducia con le donne è molto difficile, siamo le peggiori nemiche di noi stesse, ma se ci alleiamo possiamo affrontare tutto.

Una volta conquistata la fiducia si crea una sinergia tale da riuscire a sentirsi libere di affrontare qualsiasi argomento, anche il più spinoso, e, molto spesso, dopo aver parlato senza filtri o paura di essere giudicate, ci si sente meglio è più leggere, perché si scopre che non siamo le uniche a farci problemi, e allora ci si sente meno sole, meno aliene e che in fondo quel problema non è un problema! In quel momento succede una cosa meravigliosa: si prende coscienza del fatto che il nostro corpo è in continua evoluzione, cresce, matura, è vivo e noi con lui. Dobbiamo smettere di vederlo come un nemico perché rappresenta noi e la nostra storia...le mode, gli stili e le tendenze passano ma noi rimaniamo, dobbiamo solo imparare a volerci un po' più bene e di seguire i consigli di moda per qualche piccolo miglioramento, senza mai perdere di vista noi stesse.

Enza Presutti

 

 

 

 

 

Coinquilin* di mentecorpo: