Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

Come invecchiare e prenderla bene

 

In esclusiva per te

 

Un viaggio sulla DeLorean

Un esercizio antistress

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 

 Ha un sapore molto riconoscibile e un colore che invita all'assaggio. 

 Allevato o selvaggio. Norvegese o irlandese o scozzese. Scegliete secondo il vostro gusto ma sempre privilegiando l'alta qualità, leggendo le etichette e facendovi consigliare da un bravo pescivendolo. Dev'essere morbido e ben brillante.

 Attenzione alle spine: sono piccole e servono delle pinzette e molta pazienza.

 Un tempo il salmone era cucinato solo bollito e coperto di maionese, oggi per fortuna bastano pochi accorgimenti e una cottura veloce: in padella, in forno o grigliato. Ricordate che è una carne grassa, quindi scegliete con cura gli abbinamenti, per non appesantirvi troppo il pasto.

 In foto, TRANCI DI SALMONE ALL'ACETO BALSAMICO.

Cuocili in padella calda 3' per lato poi aggiungi mezzo bicchiere di vino bianco, 4 cucchiai di aceto balsamico, sale e un trito di aglio, salvia e rosmarino.

 

 

 

 

 

 

 

 SALMONE CON CREMA DI LIMONE  

Sbollenta 2' in acqua 5 foglie lunghe di porro e lasciale asciugare su un telo da cucina.

Mescola maionese, senape, panna, succo di limone.

Taglia 400g salmone a pezzi e avvolgili con le foglie di porro fermando il tutto con uno stecchino. Rosola 2' in olio extravergine d'oliva, salandoli, aggiungi vino bianco e cuoci altri 4'.

Togli gli stecchini e servi con la salsa.

 Questa ricetta è facilissima ma è una vera sciccheria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 INSALATA DI SALMONE E PESCHE   

 Scalda in padella olio extravergine d'oliva, sale e maggiorana (oppure origano) e rosola 300g salmone fresco (tagliato in tranci), prima dalla parte della pelle (che poi si toglierà facilmente da sola quando lo giri) finché è croccante fuori e leggermente crudo all'interno. Quando è pronto, toglilo e mettilo nel piatto di portata.

Aggiungi al fondo una noce di burro, le fette di 2 pesche, 1 cucchiaio zucchero e falle saltare per qualche minuto, senza spappolarle (quindi, cottura veloce a fuoco vivace), poi servile col pesce.

 

 

 

 

 PASTICCINI DI SALMONE 

 Scalda il forno a 200°C.

 Taglia un filetto di salmone fresco (con la pelle) a bocconcini, passali nei semi (quelli che hai in casa: nel mio caso, papavero, finocchio e cumino), irrora di olio extravergine d'oliva e inforna per 6'.

 Prepara i contorni cuocendo separatamente (per pochi minuti in olio) radicchio, spinacini e peperoni (questi ultimi sfumati al brandy...io però non sono riuscita a flambarli). Puoi scegliere altre verdure come finocchi, carote e verza...basta saltarle un pochino, non cuocerle.

 Impiatta pesce e verdure, completando con prezzemolo e olive nere.

 

 

 

 

 



Coinquilin* di mangioscrivo