Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

All'inizio, non ti accorgi che ti stanno sminuendo.

Sono solo frasi buttate qua e là. Si dubita che finirai la scuola senza essere bocciat@, che troverai un lavoro e un@ fidanzat@, che perderai peso, che avrai successo nella vita.

Poi, davanti ad un tuo risultato, evidente per chiunque, inizia il "Non hai fatto niente di più che il tuo dovere", "Sì, sei carina ma preferisco la tua amica bona", "Ti ci vorrà di più che la bravura per ottenere una promozione", "Un altro chilo in meno e saresti perfett@" ecc. ecc. Ovviamente senza nessun "brav@" che possa addolcire la frase.

Tu lo sai che ti sei meritat@ tutto, che hai faticato, amato e lottato e che di più non puoi proprio farlo, o stramazzerai al suolo, eppure, ci credi. 

Ci credi perché, il più delle volte, te l'ha detto qualcun@ a cui vuoi bene. Qualcun@ che pensi non ti ferirebbe mai e che credi sia lì per incoraggiarti e sostenerti e consolarti. E invece no.

Dietro il "lo dico per il tuo bene, perché non voglio che rimani delus@" il più delle volte c'è qualcun@ che non ha avuto il coraggio e la forza di fare quello che stai facendo tu...qualcun@ che si sente brutt@, grass@, non degn@ del tuo affetto. Perciò decide di sminuirti.

Perché, se arriverà a farti sentire come lui/lei si sente, il suo ego potrà pareggiare, ma tu avrai perso te stess@ e i tuoi sogni.

Alla fine, le frasi buttate qua e là diventano una voragine di paure e insicurezza perché non dubitiamo di chi ci ha parlato: dubitiamo di noi...e ci arrendiamo.

Invece Papa Francesco e gli esperti che ho consultato hanno ragione: chi ti sminuisce è talmente scontent@ di sé che ha bisogno di abbassarti pur di alzare il proprio valore. E, se ti senti criticat@, non punterai mai il dito su di lui/lei per dire: "Ma guardati te, piuttosto!!"

La domanda è: anche se non lo fanno con cattiveria, hai davvero bisogno di avere attorno persone così?? E, se sai che non ne puoi fare a meno, perché gli/le credi??

 

 

BE CAREFUL OF THOSE WHO BELITTLE YOU

 

At the beginning, you don't notice that someone is diminishing you.

They are only phrases thrown here and there. They doubt you'll finish school without failures, you'll find a job and a boyfriend/girlfriend, you'll loose weight, you'll be successful.

Then, in front of one of your evident results, they'll say: "You didn't do anything more than yours", "Yes you're cute but I prefer your hot friend", "It will take more than just skill to get promoted", "Another kilo less and you would be perfect". Obviously, without a "well done".

You know that you deserve everything, because you struggled, loved and fought, and you can't do it better, or you'll die, but you believe them.

You believe them because, mostly, they are someone you love. Someone you think would never hurt you and who you believe is there to encourage you and support and comfort you. No, it's not.

Behind the "I'm saying this for your sake, because I don't want you to be disappointed", mostly there's someone who didn't have the courage and the strength to do what you are doing...someone who feels ugly, fat and not worthy of your affection. So he/she decides to belittle you.

Because, if you feel exactly how he/she feels, his/her ego will be able to excel. But you would have lost yourself and your dreams. 

At the end, the phrases thrown here and there become an insecurity abyss because we don't have doubts about who's talking, we doubt about us...and we surrender.

Instead, Pope Francis and the expert whom I've talked are right: who belittle you is so unhappy about himnself/herself that he/she needs to lower you in order to raise his/her own. If you feel criticized you will never put your finger on him/her to say: "But look at you, instead!"

The question is: even if they don't do it maliciously, do you really need to have people like them around?? And if you know they can't do without it, why do you believe them??

Coinquilin* di antinnocenza: