Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille

E in più, solo per te... 

 

 

 

 

Interrogatorio

di Natale

 

 

 

 

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

Questa frase è rimasta nella storia perché fotografa in modo perfetto il quantitativo di ansia e stress che accumuliamo ogni volta che vogliamo prevalere.

Originariamente era "il potere logora", ad indicare che, per mantenere un privilegio, spesso bisogna staccarsi dalla realtà. Ricordandola, penso a tutti i capi d'azienda e i politici che dimenticano molto in fretta gli ideali di giustizia e di uguaglianza non appena arrivati a certi livelli. Penso a chi raggiunge "i grandi numeri" sui social e ritiene che questo basti per assicurarsi la fama eterna e per trattare tutti dall'alto in basso. E penso ai piccoli capi, eletti in scuole, comunità, gruppi di amici, che iniziano a definire cosa sia giusto o no allontanando chi la pensa in modo diverso o isolandolo/a.

In conseguenza di questo, chi non ha potere, per poter essere libero/a e rispettato/a e venerato/a brama per averlo e molti sono disposti a tutto. Purtroppo non solo a metterci più impegno e studio e tempo, alla ricerca dell'occasione per farsi valere. In questo momento penso ai bulli, alle mance extra, a qualche ricatto, ai favori coi benefit....tutti comportamenti "forzati" che non farebbero parte della morale che stiamo seguendo ma..."per una volta!"..."lo fanno tutti perché non devo farlo io??"...e diventiamo ciò che abbiamo giurato di non essere mai.

Il potere logora, ma siamo noi a farci logorare.

 

 

THE RISE TO POWER

 

"People wears out those who don't. Giulio Andreotti". This phrase will remain in history because perfectly photographs the amount of anxiety and stress that we accumulate every time we want to prevail.

Originally it was "power wears out" to indicate that to maintain a privilege often you have to break away from reality. And, remembering it, I think about heads of business and politicians who forget very quickly the ideals of justice and equality as soon as they reach certain levels. And I think about who reaches "big numbers" in the social networks and believes that this is enough to secure eternal fame and to treat everyone from the top down. And I think about little bosses, elected in schools, communities, group of friends, who begin to define what is right, moving away who thinks differently or isolating him/her.

Consequently, who has no power, to be free and respected and worshipped in the same way, lust for it and many are willing to do anything. And in this moment I think about bullies, extra tips, some blackmails, favours with benefits...all "forced" behaviors that would be not part of the morality that we were following but..."for one time!",,,"they all do, why don't I do it?" ...and we become everything we swore never to be.

The power wears out, but we're the ones who wears us out.   

Coinquilin* di antinnocenza: