Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies.

Utilizzando questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Newsletter !!!

 

Non considero i miei lettori followers o fans.... solo amici che conosco o non ho ancora conosciuto.

La newsletter ci permetterà di farci due chiacchiere tranquille, solo io e te

 

 

 

 

 

Vie d'uscita

 

 

 

PER LEGGERLA ↓

Click qui per iscriverti

 

 

 

 

 

0
0
0
s2sdefault

 

 Nel corso dei decenni, la donna è sempre più passata da musa ispiratrice delle canzoni a interprete e cantautrice.

 Molte hanno trovato nella musica la forza e il coraggio per esprimere se stesse, cantando non solo dell'amore ma anche dell'indipendenza e dei loro sogni.

 Diventando muse ispiratrici per altre donne.

 

 

 

 

 

 

 

 

 L'arrivo di questa ragazza, nel 1994, ha riscritto i nostri sentimenti in anima rock.

 L'esordio ufficiale di Irene Grandi è sul palco di Sanremo. Non ha ancora 25 anni ma la grinta che ci mette cantando "Fuori" non la si dimentica: un'avventura che abbiamo certamente vissuto... Io mollo tutto, io mollo e mi precipito / fuori, su una strada che va / gira la testa, domani ci lascerà / soli ingannati a metà / sorpasso da destra e son fuori / fuori alla città.

 L'album, che porta il suo nome, non è da meno. Pieno di canzoni d'amore in uno stile unico che ha segnato la carriera di Irene, proiettandola subito tra le cantanti preferite, in quanto capace di descrivere la vita delle ragazze.

 C'è la risposta a quel "Sposati subito" che sempre ti senti dire: Ma roba da pazzi oh ragazzi / Vivo libera e va bene così / Ma è roba da vecchi, non siamo diversi / Ma è roba da matti oh / Vivo libera e volo, sono libera volo.

 Ci sono i sentimenti che prendono il sopravvento nonostante la paura: Io ti voglio bene, ma non so se i conviene / Perché c'ho un po' paura di soffrire / Potrei anche morire / Allora onde evitare di farci male / Sarebbe meglio forse lasciar stare / Non mi chiamare più; io non ti cercherò / Però rimane questo grande non lo so / Lo spazio tra noi due potrebbe essere il paradiso / Ma come faccio io a dimenticare il tuo viso ("T.V.B.")

C'è "(You make me feel like) A natural woman" come omaggio ad Aretha Franklin: un inno all'amore che apprezza.

E c'è quella piccola perla che è "La cucina" ispirata al libro "Kitchen" di Banana Yoshimoto. Per entrambe è il posto migliore della casa, dove ci si sente sempre felici: Non c'è un altro posto al mondo ora, che mi fa star meglio della mia cucina, se mi crolla tutto addosso ora, lei rimane in piedi ed io non sono sola. È verissimo: il rumore del frigo che fischia più di un treno e il profumo del caffè che brucia sul gas sono quello che di solito intendiamo col termine "casa". E chi di noi almeno una volta non ha pensato anche oggi non va e allora giù, trasgredire di nutella così, ah, che caldo che fa, voglio chiudermi nel frigo tra fragole e olive Saclà???

 

APPROFONDIMENTI

Come rispondere al "Perché non ti sposi?"

 

 

 

Coinquilin* di paroleparole: